Confronta mutui

Come scegliere un mutuo

Per scegliere un mutuo la prima cosa da valutare è la nostra effettiva capacità di rimborso del finanziamento. Se la rata mensile supera un terzo del reddito familiare sarà problematico trovare una banca che ci eroghi il mutuo ma qualora la trovassimo sarà anche difficile da parte nostra riuscire a pagarlo. Il parametro che più facilmente confronta mutui è il TAEG che è l'indice sintetico di costo del mutuo e tiene conto sia dello Spread applicato dalla banca, sia del tasso d'interesse in vigore, che può essere fisso, variabile o misto, e sia dei costi accessori per l'accensione del finanziamento. Inoltre è bene scegliere la tipologia di mutuo in base alle caratteristiche del proprio reddito e all'andamento dei mercati in modo da non trovarsi in difficoltà dopo qualche anno in caso di variazione sostanziosa della rata.
mutui casa

Scegliere il miglior mutuo immobiliare

Prezzo: in offerta su Amazon a: 20€


Costi accessori

Quando si utilizzano dei motori di ricerca on line confronta mutui prima casa, spesso ci si sofferma solo sulla rata di rimborso e tralascia l'aspetto dei costi accessori. I costi accessori di un mutuo invece possono incidere in maniera rilevante sul costo totale del finanziamento. Le spese di perizia ed istruttoria ad esempio variano in maniera sostanziosa da banca a banca e possono arrivare facilmente a costare più di 1000 euro. Bisogna poi controllare quali sono le assicurazioni obbligatorie per ciascun istituto di credito. L'assicurazione contro lo scoppio o l'incendio dell'immobile è necessaria per legge ma alcune banche la forniscono gratuitamente, mentre le polizze sulla vita, sul lavoro e sui danni all'immobile vengono a volte ritenute necessarie dagli istituti di credito aumentando il costo del mutuo.

  • Il risparmio della surroga Con la surroga è possibile risparmiare e non poco sul proprio mutuo.Complici i tassi in picchiata e ai loro minimi storici, mai come in questo periodo può essere vantaggioso avvalersi di questa possib...
  • Leasing immobiliare Il leasing immobiliare è l'innovativo prodotto finanziario che permette di trarre un vantaggio economico monetizzando il valore dell'immobile, pur mantenendo lo stesso libero da vincoli. In genere vie...
  • Preventivo di mutuo casa Il mutuo è un contratto sottoscritto tra due parti, l'istituto bancario da una parte e il cliente dall'altra, che prevede l'erogazione di una somma di denaro che può essere utilizzata per l'acquisto d...
  • insegna di una banca Gli Istituti Bancari vengono comunemente chiamati Banche; si tratta di imprese private che si occupano di gestire il denaro in ogni situazione in cui sia necessaria una intermediazione finanziaria. Pr...

Manuale del contenzioso sulla trasparenza bancaria. Anatocismo. Usura. Tasso floor. Clausola di arrotondamento del mutuo

Prezzo: in offerta su Amazon a: 22,8€


Confronta mutui a tasso fisso

Il confronto tra più mutui a tasso fisso, al netto delle spese accessorie, è abbastanza semplice. In questo caso infatti l'importo della rata di rimborso non varierà per tutta la durata del finanziamento e per chi confronta i mutui basterà vedere qual è la rata più bassa per trovare quella più conveniente. Nei mutui a tasso fisso bisogna però fare attenzione al fatto che spesso il tasso effettivo del mutuo, e di conseguenza la rata, vengono calcolate sulla base del valore del parametro Irs del giorno precedente (o dell'ultimo giorno del mese precedente) alla stipula. Questo significa che la nostra rata molto spesso sarà differente da quella calcolata nel preventivo iniziale della banca e in alcuni casi, vista l'elevata variabilità anche su base giornaliera dell'Irs, si può andare incontro a brutte sorprese.


Confronta mutui a tasso variabile

Il confronta mutui on line per i prodotti a tasso variabile è invece più difficile in quanto bisogna tener conto di diversi aspetti. Ogni mutuo variabile è agganciato ad un indice, che solitamente è l'Euribor 3 mesi, ma può essere anche l'Euribor 1 mese o il BCE. L'indice Bce è normalmente più stabile ed è maggiormente indicato per prestiti dalla durata considerevole mentre tra l'Euribor 3 mesi e l'Euribor 1 mese la differenza è tutta nell'intervallo di tempo di aggiornamento dei tassi. Per chi volesse dormire sonni tranquilli è possibile anche richiedere un mutuo variabile con un tetto massimo o con una rata costante: sono opzioni che ci mettono al riparo da improvvisi aumenti dei tassi ma sulle quali le banche applicano degli spread più alti che ne vanno a ridurre sensibilmente la convenienza.




COMMENTI SULL' ARTICOLO