Prestiti fra privati

I prestiti fra privati, cioè tra persone fisiche, che possono essere parenti oppure amici, hanno valore legale in quanto sono riconosciuti e tutelati dalla Legge. Devono però essere occasionali e non praticati in maniera regolare e professionale. Questo tipo di prestito è conveniente e vantaggioso sia per il creditore che per il debitore. Infatti non c'è una banca o un istituto di credito che faccia da intermediario tra i contraenti. Quindi colui che riceve il prestito può avere un tasso di interesse migliore e colui che presta il denaro ne ricava buoni guadagni, qualora decida di chiedere degli interessi. Tuttavia, il prestito tra privati è soggetto ad una tassazione maggiore rispetto a quelli avuti tramite banca o istituti di credito. La Corte di Cassazione accetta il prestito tra coniugi ma non prevede il diritto alla restituzione della somma. In questi casi il prestito non è ritenuto un finanziamento ma un'espressione di solidarietà tra coniugi. Perciò la restituzione del denaro può solo essere volontaria, ... continua

Articoli su : Prestiti fra privati


ordina per:  pertinenza   alfabetico   data  
    • Prestiti tra privati

      Prestiti tra privati Per ricevere un prestito non è necessario recarsi in banca: anche i privati con liquidità in eccesso possono prestare contanti. In questi casi si stipula un contratto di scrittura privata, indicando l
    • Prestiti fra privati senza spese

      Dipendente di un sito per mediazione di prestiti La legge italiana prevede la possibilità di prestiti tra privati, offrendo la possibilità di risparmi consistenti rispetto ai tradizionali canali bancari. Questi prestiti sono possibili tramite divers
    • Prestito di denaro fra privati

      accordo per prestito tra privati Decidere di chiedere soldi in prestito da privati o proporre un prestito tra privati online richiede la conoscenza delle leggi in materia. Le disposizioni legislative disciplinano i tassi da applicare
    • Il prestito tra privati in Italia

      banconote In seguito alla stretta creditizia dovuta alla crisi economica, il mercato del credito italiano ha registrato un aumento del ricorso al prestito tra privati. Oggi è possibile accedere a tale forma alt
    • Calcolo taeg

      Professionista alle prese con il calcolo taeg Il calcolo taeg è un calcolo matematico che viene fatto sia da professionisti del ramo, quali i contabili, consulenti finanziari e ragionieri, che da semplici utenti, con l'aiuto del computer. Online
    • Prestiti da privati

      Prestiti tra privati I prestiti da privati sono un nuovo strumento, adatto sia a chi necessita di somme di denaro di varia entità, sia a chi desidera investire dei fondi. Questo tipo di prestiti si può effettuare cercando
    • Prestiti fra privati seri

      Prestiti tra privati seri I prestiti sono finanziamenti accessibili a tutti attraverso le Banche e gli Enti preposti. Se non vogliamo però accedere ai mezzi tradizionali, possiamo contare sui privati seri, che senza fissare ta
    • Prestiti privati

      Prestito tra privati Il prestito di denaro tra soggetti privati può essere effettuato secondo diverse modalità che, però, per avere valore legale e tutelare le parti coinvolte, devono necessariamente rispettare delle rego
    • Prestito tra privati

      prestito fra privati Un'alternativa ai normali prestiti e finanziamenti ottenuti attraverso banche ed istituti di credito è il prestito fra privati che consente di snellire notevolmente la burocrazia ed i tempi necessari
    • Social lending

      Social lending Per riuscire ad eseguire correttamente un prestito con il social lending è importante conoscere perfettamente il servizio, come eseguirlo in maniera ottimale e quali siano i siti delle aziende da util
    ordina per:  pertinenza   alfabetico   data  
      prosegui ... , senza obblighi di Legge.

      Le tipologie principali di prestito fra privati sono tre. La scrittura privata prestito è la forma più diffusa nei prestiti effettuati tra amici o parenti. In questi casi si redige un contratto di prestito. La cambiale consente una migliore tutela del creditore, qualora il debitore non dovesse pagare la somma dovuta. Può essere utilizzata come alternativa oppure anche come aggiunta al contratto di prestito. Per Legge, la scrittura privata prestito e la cambiale sono titoli esecutivi e pertanto, in caso di mancato pagamento, il creditore può rivolgersi al Tribunale per far valere i propri diritti ed attuare un pignoramento nei confronti dell'insolvente. La terza forma di formalizzazione del prestito tra persone fisiche prevede l'intermediazione di aziende che agiscono sul web (social lending). Il servizio di queste piattaforme consiste nel far incontrare il prestatore con il richiedente. In questo caso si tratta di una forma di investimento e non di un semplice prestito tra conoscenti.

      Il contratto deve essere redatto in duplice copia, una per il creditore e l'altra per il debitore, e sottoscritta da entrambi. Il contratto più tutelato è quello che rientra nella forma del mutuo (art. 1813 del Codice Civile). Non è necessaria l'autenticazione da parte di notai o altri Pubblici Ufficiali. Quindi un simile contratto non ha bisogno di essere registrato ma deve possedere determinate caratteristiche affinché possa essere ritenuto impugnabile dalla Legge. Deve avere la dicitura di mutuo, i dati delle persone contraenti, il tasso di interesse (se è previsto) che non deve essere maggiore del tasso antiusura, i modi ed i tempi di restituzione del denaro ed eventualmente altre condizioni concordate dalle parti. Il contratto è bene che sia redatto in presenza di due testimoni, soprattutto nel caso in cui il prestito preveda grosse somme di denaro.

      Gli interessi, nel prestito fra privati, sono in funzione della consistenza della somma prestata e della fiducia che il creditore ripone nei confronti del beneficiario. Quindi si possono avere contratti fruttiferi (con interessi) oppure infruttiferi (privi di interessi). Inoltre i prestiti fra privati possono essere personali, nei quali il debitore è libero di utilizzare il denaro come crede, e finalizzati, quando la somma prestata ha una specifica destinazione, indicata nel contratto. Come accennato prima, il mutuo tra privati prevede tasse più alte di quelle relative ai prestiti bancari. L'imposta di registro è pari al 3% della somma erogata. Nel caso in cui il contratto preveda una garanzia (ipoteca o fideiussione), l'imposta è dello 0,50% sul valore. L'imposta sull'ipoteca è del 2%, l'imposta di bollo è di 16 euro ogni 4 pagine di contratto. Inoltre gli interessi passivi non sono detraibili dall'Irpef.