Banca popolare emilia romagna

Banca popolare emilia romagna

Grazie a un'iniziativa della Società Operaia di Mutuo Soccorso, nel 1867 viene fondata la Banca Popolare di Modena e nel 1973 cresce esponenzialmente grazie all'affiliazione di istituti di credito di tutto il territorio dell’Emilia Romagna fino a diventare Banca Popolare Emilia Romagna (BPER Banca) nel 1994.Il gruppo ha l’obiettivo di permettere ad ogni banca di usufruire dell’ampiezza e della visibilità di un gruppo mantenendo l'autonomia operativa. Fra il 1994 e il 2000 vengono acquisiti altri istituti fra cui Banca Popolare di Ravenna, Cassa Rurale di Sicignano negli Alburni, Banca Popolare del Materano, Banca Popolare di Lanciano e Sulmona, Cassa di Risparmio di Vignola, Banca Popolare di Crotone, Banca Del Monte di Foggia, Banca Popolare di Aprilia, Banca Popolare di Castrovillari e Corigliano Calabro, Banca Popolare di Salerno, il Banco di Sardegna e molte altre.E’ il sesto gruppo bancario italiano per numero di sportelli (1300) ed è attivo in tutti i principali settori del mercato con una presenza anche nel mercato estero grazie alla sua attività nell’Est Europa e Sud-Est asiatico.
giornali investire

Banca Popolare dell'Emilia Romagna. La collezione dei dipinti antichi

Prezzo: in offerta su Amazon a: 34€
(Risparmi 6€)


Quotazione banca popolare emilia romagna

Guardando l'andamento delle azioni della Banca Popolare Emilia Romagna nell'anno 2015, è evidente un aumento crescente dell'andamento delle sue quotazioni con un'apertura ad inizio anno di +6 contro un attuale +8 aggiornato al 13 luglio. Negli ultimi tre mesi si è evidenziato un oscillamento fra l'apertura, ad aprile, di 8,135 con chiusura a 8,145 e l'andamento di fine aprile con picco più basso di 7,395.Fra maggio e giugno subisce una variazione dello 0,1% con picchi +7 con un forte rialzo a fine giugno con chiusura a 8,47. All'inizio di luglio si mette in luce un nuovo calo che arriva a 7,075. Negli ultimi 5 anni è forte il rialzo all'interno del mercato delle azioni Bper con un picco più basso nel 2012 che sfiora i 3,5 e un rialzo fino a 8,75 per il 2014. Il 2015 vede una forte crescita in cui si è superata l'incertezza dei primi mesi con picchi di 6 per arrivare ai +8 odierni.

    La grande magia. Opere scelte dalla colezione Unicredit. Catalogo della mostra (Bologna, 20 ottobre-16 febbraio 2014). Ediz. italiana e inglese

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 21,25€
    (Risparmi 3,75€)


    Quotazione azioni banca popolare emilia romagna

    Sul medio periodo il trend flat con Volumi ed RSI sono entrambi flat. La volatilitá a breve, tenuta in conto dai Volatility Index a 6 (con valore a 1,926) e 10 giorni (con valore 1,759) non é particolarmente rilevante tale da non presumere una forte variazione di prezzi.La media mobile a 5 gg (7,788) si presenta in questo momento sotto quella a 20 giorni (6,739) , evidenziando uno scenario ribassista sul breve periodo. Sul medio periodo inoltre vediamo che la media a 20 gg viaggia sopra quella a 50, tendenza dunque rialzista. Sul lungo infine la tendenza è rialzista con MM a 50 giorni sopra quella a 200 giorni.Ad oggi spicca l'oscillazione neutra con un forte equilibrio fra domanda e offerta anche se la fase attuale è ribassista con volumi stazionari. Ad oggi il consiglio è per la vendita.


    Quotazioni banca popolare emilia romagna

    Con un’assemblea del 23 giugno 2014, la Banca Popolare dell’Emilia Romagna vede un incremento di capitale in cui vengono emesse più di 145.000 azioni ordinarie con valore nominale di 3 euro e con le stesse caratteristiche delle altre azioni Bper. La sottoscrizione è possibile mantenendo un rapporto di 7 azioni ordinarie di nuova emissione ogni 16 azioni ordinarie già possedute. Questo aumento di capitale era finalizzato a rafforzare la propria posizione patrimoniale, mantenere i coefficienti patrimoniali in linea con i requisiti regolamentari ma anche ad affrontare con serenità l’esercizio dell’Asset Quality Review e dei successivi Stress Test della Banca Centrale Europea nell’ambito del Comprehensive Assessment. Così facendo, inoltre, la banca aumenta la sua flessibilità finanziaria potendo tornare in maniera graduale alla distribuzione dei dividendi e attuare un'ulteriore crescita.




    COMMENTI SULL' ARTICOLO