Popolare di sondrio

Banca popolare di sondrio

La Banca Popolare di Sondrio è un Gruppo Bancario quotato sulla Borsa italiana, di cui fanno parte anche BPS Suisse, Factorit S.p.A, Sinergia Seconda Srl, Popso Covered Bond Srl, e Pirovano Stelvio S.p.A.. Si tratta di uno dei primi gruppi bancari nati in Valtellina, che ha molto favorito lo sviluppo economico di questa zona disagiata d'Italia. Inoltre, essendo stata fondata nel lontano 1871, la Banca Popolare di Sondrio è anche una delle prime banche popolari italiane. Sono molti i nomi famosi del passato che hanno agito all'interno di questa importante azienda, che nel 2011 è stata riconosciuta come ottavo istituto bancario capitalizzato in borsa. Dal 1871, quando è nata la banca, la strada percorsa è stata tanta, oggi infatti sono presenti sportelli su tutto il territorio del nord Italia.
Banca Popolare di Sondrio

Stelvio. Crocevia della Pace

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,99€


Quotazione della Banca Popolare di Sondrio

La Quotazione della Banca Popolare di Sondrio è in continuo e regolare aumento nel corso dell'ultimo anno. Anche se chiaramente la Borsa presenta alti e bassi, questo gruppo bancario ha visto un consistente aumento del suo capitale, con conseguente aumento delle sue quotazioni e dell'interesse degli investitori. A seguito della trasformazione della Banca Popolare di Sondrio in società per azioni, nel corso del 2015 sono divenute disponibili ulteriori quote azionarie, la cui vendita ha permesso un cospicuo aumento del capitale sociale della società. La trasformazione avrà termine nel corso del 2016. Nonostante negli ultimi anni i gruppi bancari abbiano subito diverse vicende non proprio favorevoli, la quotazione della Banca Popolare di Sondrio ha mostrato costantemente il segno positivo, anche grazie alla solidità delle diverse società che fanno parte di questo gruppo bancario.

    Vetrina (V43a) per modellismo in legno di betulla, con 4 vetri di plexiglas, Dimensioni 100 x 75,5 x 8,5 cm, vetrinetta, bacheca, espositore, collezionismo

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 62€


    Azioni della Popolare di Sondrio

    La politica delle azioni della popolare di Sondrio si volge verso uno stile di azionariato diffuso: piuttosto che distribuire le proprie quote azionarie presso un ristretto numero di grandi azionisti, la Banca Popolare di Sondrio ha da sempre preferito una partecipazione più ampia. Le azioni di questo Gruppo bancario vengono quindi vendute a piccoli azionisti, che spesso sono anche clienti della banca stessa. In questo modo le intenzioni della dirigenza della banca sono quelle di rendere partecipi degli utili anche i piccoli clienti ed i piccoli risparmiatori, per perseverare sulla strada della Banca Popolare. In questo modo la gran parte dei soci della Banca possiede piccole quote azionarie e intende mantenerle nel lungo termine. Trattandosi di una banca popolare, con matrice cooperativa, l'azionariato diffuso si connota come una corretta trasposizione in borsa del concetto di cooperazione. Presso la Banca Popolare di Sondrio quindi si tende a prediligere il piccolo socio investitore, piuttosto che stimolare la speculazione attraverso la frequente vendita delle azioni.


    Popolare di sondrio: Quotazione delle azioni della Banca Popolare di Sondrio

    La Banca Popolare di Sondrio è una società per azioni; nel corso degli anni, trattandosi di una banca popolare, questo istituto ha prediletto la diffusione delle proprie azioni all'interno di un ampio range di attori, in modo da coinvolgere nel futuro delle sorti della banca anche i propri clienti. Molti degli investitori sono, in realtà, piccoli azionisti della banca che godono dei successi o degli insuccessi di questo istituto. Durante il 2015 la Banca ha dato inizio alla totale trasformazione in Società per Azioni, che ha favorito la quotazione della Banca Popolare di Sondrio. Infatti nel corso del 2015 le azioni hanno subito un regolare aumento di valore, che ha stimolato ulteriori investitori ad interessarsi a questo gruppo bancario. Il capitale della banca ha avuto aumenti consistenti, grazie alla vendita di ulteriori quote azionarie.



    COMMENTI SULL' ARTICOLO