Prestiti pensionati

I prestiti a pensionati mediante cessione del quinto

I prestiti a pensionati INPS e Inpdap si sono diffusi grazie alla formula della cessione del quinto che è il termine mediante il quale si indica un rapporto di credito tra banche o società finanziarie e il soggetto titolare di pensione. Attraverso un preciso piano d'ammortamento è prevista la restituzione del prestito mediante quote pari al quinto della pensione. Le rate si detraggono direttamente sul valore della pensione calcolata al netto delle trattenute fiscali e previdenziali. La durata del prestito non può eccedere i dieci anni, ma in ogni caso essa viene stabilita in base all'età del pensionato. Infatti se il richiedente ha già 80 anni si concede il prestito solo per cinque anni. Di solito la durata del prestito non supera l'ottantacinquesimo anno d'età del richiedente anche se ci sono alcune formule che consentono di raggiungere il 90° anno o facendo ricorso al fondo Inpdap anche il 95° anno d'età.
prestiti a pensionati Inps e Inpdap

Corda per saltare Velocità - Perfetto per Crossfit, doppio Unders, MMA, addestramento, allenamento fitness, Freeletics, corda salto, Box

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,9€
(Risparmi 1€)


I requisiti richiesti per i prestiti a pensionati Inpdap

I prestiti a pensionati Inpdap fanno parte della categoria di prestiti agevolati e l'agevolazione consiste nella copertura garantita da fondi messi a disposizione dall'Istituto di previdenza ai suoi iscritti. L'iscrizione per i dipendenti pubblici comporta durante gli anni di attività lavorativa il versamento di una Ritenuta per Fondo Credito che consente ai contribuenti di ottenere agevolazioni di tipo creditizio e sociale nel momento in cui si verificano necessità personali e familiari. Anche i pensionati Inpdap mediante tale versamento risultano iscritti alla Gestione unitaria autonoma delle prestazioni creditizie e sociali e hanno la possibilità di avere accesso al prestito pluriennale garantito mediante cessione del quinto da richiedere allo stesso istituto. L'Inpdap garantisce contro i rischi di decesso del richiedente prima della scadenza della cessione. L'Inpdap ora è confluito nella gestione INPS ma le politiche e i criteri applicati nella gestione del rischio sono autonomi.

    TheCharmWorks Ciondolo con Piccolo Baule del Tesoro in Argento 925

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 25,95€


    Inps: prestiti a pensionati mediante comunicazione di cedibilità

    Il soggetto richiedente titolare di pensione deve chiedere informazioni all'Inps per i prestiti a pensionati in merito alla cedibilità della pensione. Su richiesta del pensionato l'Inps provvede ad emettere un documento di comunicazione di cedibilità della pensione nel quale viene indicato l'importo massimo che può assumere la rata nel piano d'ammortamento programmato per la restituzione del prestito. La comunicazione viene data alla banca o società finanziaria presso la quale il pensionato ha richiesto il finanziamento. Se la stessa Banca o società finanziaria è convenzionata con l'Inps, si ha un risparmio in termini di costi e di tempo. Infatti è lo stesso ente finanziario che elabora la quota cedibile della pensione mediante collegamento telematico con l'Inps: si ha un vantaggio per il pensionato in termini di tasso d'interesse che risulta più basso rispetto ai tassi presenti sul mercato. Ovviamente l'importo della quota cedibile dipende dal valore della pensione.


    Prestiti pensionati: Copertura assicurativa per i prestiti a pensionati e la tutela del pensionato

    L'Inpdap per i prestiti a pensionati non chiede altra garanzia se non quella del versamento delle quote di adesione al fondo. L'Inps invece richiede una copertura assicurativa per coprire il rischio di premorienza del richiedente. Prima di concedere il credito l'Inps verifica che l'istituto finanziario erogante abbia tutti i requisiti necessari per compiere l'operazione. Il tasso applicato al prestito deve essere conveniente e chiaro per il pensionato. Deve essere inferiore ai tassi applicati sul mercato, non deve raggiungere soglie anti-usura e deve essere definito nel dettaglio indicando a parte le spese d'istruttoria della pratica, le commissioni bancarie, le spese assicurative e gli interessi. La caratteristica principale di questi tipi di prestito è la riduzione del tasso d'insolvenza del richiedente in quanto la rata è trattenuta direttamente dall'istituto di previdenza coinvolto nell'operazione.



    COMMENTI SULL' ARTICOLO