Centrale rischi

Segnalazione centrale rischi

La centrale rischi è un sistema gestito direttamente dalla banca d'Italia, che raccoglie i dati finanziari dei cittadini che richiedono un prestito. L'invio dei dati avviene in modo automatico quando si effettua la richiesta presso un istituto di credito o una finanziaria, i quali utilizzano i dati contenuti nella centrale rischi per acquisire informazioni e decidere se erogare il prestito, anche in base alla somma totale delle rate dei prestiti eventualmente in corso. Normalmente questo sistema è una garanzia per l'utente, in quanto assicura la sua capacità di fronteggiare il rimborso del debito, favorendone la concessione e certifica il numero e la tipologia di finanziamenti eventualmente ancora in corso. I problemi esistono solamente quando si viene segnalati come cattivi pagatori perchè non si sono rispettate le scadenze previste per il rimborso delle rate.

esempio di dati contenuti nella centrale rischi<p />

L'evoluzione della centrale rischi bancaria tra privacy, illegittima segnalazione e responsabilit&#224; civile

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,3€
(Risparmi 0,7€)


Richiesta centrale rischi

Il cittadino può, in ogni momento, accedere alle informazioni creditizie personali presenti nella banca dati della centrale rischi, al fine di conoscere la sua posizione ma anche verificare la tipologia delle informazioni presenti e la loro correttezza. La richiesta alla centrale rischi di accesso alle informazioni avviene tramite un modulo appositamente predisposto presentato personalmente oppure tramite posta ordinaria o fax. La visura verrà inviata direttamente tramite posta all'indirizzo del richiedente in un tempo massimo di circa 15 giorni. I tempi si accorciano a circa 7 giorni se la visura viene ritirata personalmente. Essere a conoscenza dei dati presenti nella centrale rischi può essere utile soprattutto per verificare che informazioni sono presenti, la loro correttezza o il loro aggiornamento.


  • Cessione del quinto Possono richiedere e accedere alla cessione del quinto tutti i dipendenti pubblici, statali o di aziende private, che siano assunti con contratto a tempo indeterminato; devono avere un'età compresa tr...
  • Mutuo casa Il mutuo casa è una sorta di prestito ipotecario rivolto a quei soggetti che non detengono la proprietà di un certo immobile. La stipulazione di questo finanziamento è caratterizzata da un iter specif...
  • Mutuo bancoposta Acquistare una casa, progettare la riqualificazione di un vecchio edificio o ristrutturare la vostra attuale abitazione non è più un problema, con BancoPosta è possibile scegliere la richiesta di fina...
  • Firma come garanzia per un prestito chirografario Un credito chirografario è una forma di finanziamento che per l'erogazione non richiede nessuna tipologia di garanzia sia reale sia personale. Quindi per la richiesta di un prestito chirografario non ...

Come difendersi dalla centrale rischi nel contenzioso bancario &#160;

Prezzo: in offerta su Amazon a: 23,8€
(Risparmi 4,2€)


Segnalazione centrale rischi banca d'Italia

La centrale rischi raccoglie tutte le comunicazioni sui crediti degli utenti inviate dagli operatori che hanno concesso il finanziamento, ed ha quindi lo scopo di favorire e semplificare la concessione di nuovi prestiti sulla base di una buona condotta nel rimborso di eventuali debiti precedenti. Qualora, per qualsiasi motivo, il cliente non riesca ad onorare il pagamento delle rate di restituzione del prestito, viene segnalato alla centrale rischi. Chiaramente, al contrario delle segnalazioni positive, che funzionano da garanzia, la segnalazione alla centrale rischi Banca d'Italia come cattivi pagatori, rappresenta un evento spiacevole sia per il privato che per l'azienda, in quanto, molto spesso, preclude l'accesso a nuovi finanziamenti oppure implica la richiesta di garanzie aggiuntive. Naturalmente la gravità della segnalazione peggiora maggiore è il ritardo nel pagamento dell'insoluto.


Centrale rischi finanziari

La Centrale Rischi Finanziari, conosciuta come CRIF, è una delle più utilizzate in Italia e raccoglie i dati relativi ai finanziamenti ed ai prestiti ottenuti dal cittadino tramite le finanziarie. Anche in questo caso la legge prevede le metodologie di richiesta per l'accesso ai dati inseriti nella centrale da parte del cittadino. Prevede inoltre dei tempi di cancellazione dei dati che sono di sei mesi in caso di richiesta di finanziamento, 1 mese se la richiesta è stata ritirata oppure rifiutata, 36 mesi dall'estinzione dei prestiti regolarmente pagati, 12 mesi dalla regolarizzazione nei casi di pagamenti in ritardo per non oltre due mesi, 24 mesi dalla regolarizzazione nel caso di pagamenti effettuati con un ritardo superiore a due mesi. Per i finanziamenti non rimborsati in tutto o in parte il termine per la cancellazione dei dati dalla centrale rischi finanziari è di 36 mesi dalla cessazione del rapporto.




COMMENTI SULL' ARTICOLO