Calcolo buoni fruttiferi postali

Calcolo buoni fruttiferi postali ordinari

Il calcolo buoni fruttiferi postali ordinari va effettuato in base alla somma che si intende depositare ed al tempo di investimento.Nello specifico, i buoni ordinari hanno delle caratteristiche peculiari: sono stati emessi sin dal 1925, rappresentando di conseguenza il prodotto storico del Risparmio Postale, che da sempre attira numerosi clienti.Sono dedicati soprattutto a tutti coloro che vogliono investire i propri risparmi a lungo termine, rimanendo nella assoluta tranquillità per quanto concerne il capitale investito, che può essere ritirato in qualsiasi momento.Caratteristica fondamentale è pertanto il rendimento sicuro, grazie agli interessi maturati, a lungo termine e crescente nel tempo. Per quanto riguarda il regime fiscale, bisogna calcolare il 12,50% sugli interessi, mentre i Buoni sono esenti dai costi di imposta di successione.Anche per la sottoscrizione non sono previste spese nè commissioni, così come per il rimborso o per la gestione.
buoni fruttiferi postali

La posta del re. Per la Scuola elementare. Con e-book. Con espansione online: 2

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,27€


Calcolo buoni fruttiferi postali serie q

Negli anni Settanta la legge prevedeva che lo Stato italiano avesse la possibilità di variare il rendimento dei Buoni Fruttiferi Postali che erano già stati emessi. Era proprio lo stesso Codice Postale (d.P.R. 156/1973, come modificato da l. 588 del 25.11.1974) a stabilire che i tassi di interesse venissero modificati da decreti ministeriali, conferendo a tale procedura un effetto anche retroattivo.Per quanto riguarda nello specifico i Buoni Fruttiferi Postali, dunque, il Governo italiano nel giugno del 1986 ha deciso di ridurre il rendimento dei buoni già emessi: è nata in questo modo la nuova "serie Q".Il calcolo buoni fruttiferi postali "serie Q" portava a considerare una variazione di rendimento dei tassi collegati ai buoni delle precedenti serie, emessi fino al termine del mese giugno del 1986, tra cui quelli della serie O e quelli della serie P.

    sourcingmap® forma quadrata Car Audio altoparlante legame a molla Post 4 connettore terminale bordo

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,42€


    Calcolo buoni fruttiferi postali poste italiane

    Chiunque decida di investire tramite i Buoni Fruttiferi Postali, sceglie di basarsi sulla garanzia del rimborso dell'intero capitale investito, insieme agli interessi maturati.Tutte le caratteristiche e le disposizioni relative sono contenute nel Foglio Informativo di ciascun buono, così come consultabili nel Regolamento del Prestito.Questa tipologia di prodotto si rivolge essenzialmente a tutti i clienti che siano poco esperti in campo finanziario e che desiderino comunque effettuare un investimento, rimanendo in un ambito di alte garanzie. L'offerta è comunque molto diversificata, in base alle esigenze di ciascun risparmiatore.Le tipologie variano sia per durata che per rendimento. E' possibile procedere alla sottoscrizione e al calcolo di buoni fruttiferi postali di Poste Italiane in tutti gli sportelli presenti sul territorio, ed in alcuni casi anche tramite il web, senza spese o commissioni, tranne quelle fiscali.


    Poste italiane calcolo buoni fruttiferi

    Recandosi presso un qualsiasi ufficio di Poste italiane, calcolo Buoni Fruttiferi ed informazioni circa risparmio ed investimento possono essere ottenuti in modo semplice e veloce.Ne esistono diverse tipologie: oltre al Buono Fruttifero Ordinario, ad esempio è possibile scegliere il Buono Fruttifero "Diciottomesi", che permette di optare per una soluzione di breve periodo, cogliendo le offerte dal mercato e mantenendo tutta la sicurezza del prodotto. Viene infatti assicurato, oltre al rimborso del capitale investito, un rendimento certo già dopo 6 mesi, a seguito del rimborso con gli interessi maturati.Altra tipologia è il Buono Fruttifero "Dedicato ai Minori": sono dedicati esclusivamente ai ragazzi di età compresa tra 0 e 16 anni e mezzo, per permettere un risparmio tale da esaudire un desiderio dei più giovani. Al compimento dei 18 anni di età, infatti, l'intestatario del Buono potrà avere sempre il 100% del capitale investito e riscuotere gli interessi maturati, a partire dalla attivazione del buono stesso.




    COMMENTI SULL' ARTICOLO