Come si compila un assegno

Scrivere l'importo in lettere e in cifre

Come si compila un assegno bancario? Bisogna anzitutto indicarne l'importo. Scrivere l'importo in cifre nell'apposito spazio prestampato in alto a destra, dividendo i centesimi con una virgola (es. 42,00). Ricordarsi di riportarli sempre, anche quando la cifra è tonda e sono costituiti da due zeri. Scrivere l'importo in lettere nell'apposito spazio prestampato al centro dell'assegno, dividendo i centesimi con una sbarra e riportandoli in cifre (es. quarantadue/00). Ricordarsi di riportarli sempre, anche quando la cifra è tonda e sono costituiti da due zeri. Verificare quindi che l'importo in lettere e quello in cifre siano corretti, leggibili e uguali. Gli assegni bancari possono essere compilati in qualunque lingua dell'Unione europea, compresi quindi - oltre all'italiano - l'inglese, lo spagnolo, il tedesco e il francese.
Compilare un assegno bancario

PosteMobile

Prezzo: in offerta su Amazon a: 0€


Scrivere data, luogo, beneficiario e traente

Ecco poi come si compila un assegno bancario: riportare, negli appositi spazi prestampati, i diversi dati: luogo e data di emissione (che deve corrispondere al giorno effettivo in cui l'assegno è stato staccato - cioè non può essere né anticipata né posticipata - per non incorrere in sanzioni legali); il nome del beneficiario, cioè di colui al quale l'importo dell'assegno è destinato; l'ordine della banca di pagare, il numero di conto corrente e il codice della banca dove poter cambiare l'assegno; infine, la firma del traente, cioè di colui che emette l'assegno. Verificare alla fine che tutti i dati siano corretti e leggibili. Sanzioni penali vengono attuate anche qualora gli assegni siano mancanti delle loro parti (nome beneficiario e/o traente, importo in cifre etc.), cioè in caso di assegni vuoti.

  • esempio assegno L'assegno postale vidimato è un mezzo di pagamento che offre maggiori garanzie a chi lo riceve rispetto ad un assegno normale. Questo particolare titolo prevede la copertura garantita e viene emesso d...

GizmoVine MJX X300 Drone con Telecamera 0.3MP FPV WIFI 6-Assi GYRO Quadricottero 2.4G 4 Canali X-SERIES RTF Elicottero Quadricottero con Modalità Headless Ritorno Automatico Un Tasto Funzione 3D Roll FPV Tempo Reale Drone con Wifi per IOS e Android Colore Argento

Prezzo: in offerta su Amazon a: 54,99€


La matrice, documento importante e promemoria utilissimo

La matrice è una parte del blocchetto degli assegni, quella che si trova a sinistra di ognuno di essi e da cui vengono staccati per essere emessi. La matrice è, al pari dell'assegno stesso, un documento a tutti gli effetti, fondamentale nella compilazione di un assegno bancario, perché la sua funzione corrisponde a quella di uno scontrino, oltre che di un promemoria utile per il futuro per ricordare date e beneficiari di pagamenti. Nelle istruzioni su come si compila un assegno bancario, non bisogna dimenticare di riportare sempre sulla matrice, negli appositi spazi prestampati: l'importo del saldo precedente del conto corrente bancario; l'importo dell'assegno che si sta per staccare (ed emettere); la data di emissione dell'assegno; il nome del beneficiario dell'assegno e in ultimo, ma non meno importante, la ragione. È altresì importante ricordare che la matrice va conservata per cinque anni a partire dall'emissione dell'ultimo assegno del blocchetto.


Come si compila un assegno non trasferibile

Vediamo infine come si compila un assegno bancario non trasferibile. L'assegno non trasferibile è quello che non può essere girato a terzi (eccetto che a una banca e solamente a scopo di incasso). Per limitare l'uso dell'assegno, è fondamentale apporre la clausola "Non trasferibile" sia sul davanti che sul retro dello stesso: in questo modo il beneficiario non può trasferire l'assegno a terzi, e il titolo diviene nominativo. Questa clausula si rivela di fondamentale importanza anche come protezione della privacy in caso di furto o smarrimento dell'assegno, in quanto non permette allo stesso di essere cambiato da terze parti. Inoltre bisogna ricordare che la clausula "Non trasferibile" è - così come il nome del beneficiario unico -obbligatoria secondo la legge antiriciclaggio in caso di importi pari o superiori a € 1.000.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO