Prestiti per consolidamento debiti

Prestiti per consolidamento debiti

Trovarsi in un momento difficile da affrontare dal punto di vista economico può accadere a tutti. In queste situazioni la presenza di più debiti può apparire come un ostacolo insormontabile. Il prestito per consolidamento debiti è nato con l'intento di semplificare la gestione finanziaria in questo frangente, e permettere una più facile ripresa grazie alla presenza di un'unica rata. Il primo passo da compiere per coloro che scelgono questa soluzione è senza dubbio quello di richiedere ed ottenere, dai vari Istituti finanziari con cui è in essere un finanziamento, un certificato che attesti quanto deve essere ancora versato per liberare il richiedente da ogni obbligo nei suoi confronti. Molte volte sono i nuovi Istituti che propongono i prestiti per consolidamento debiti ad occuparsi di richiedere questi documenti per conto dell'interessato, ovviamente tramite delega di quest'ultimo.
Conteggio debito residuo


Prestiti personali per consolidamento debiti

Per concedere i prestiti personali per consolidamento debiti l'Istituto finanziario generalmente non richiede garanzie reali, come ad esempio diritti di pegno o ipoteche su beni immobili del richiedente. Tuttavia per tutelarsi e limitare il rischio di insolvenza può richiedere la firma di un coobbligato o di un terzo fideiussore. In pratica si tratta di una forma in cui, in caso di mancata restituzione dell'importo erogato da parte del soggetto interessato, l'Istituto può chiedere al garante di subentrare nella restituzione. Questa speciale richiesta avviene, nella maggior parte dei casi, quando il richiedente abbia avuto precedenti problemi di insolvenza con gli altri Istituti, oppure se si tratta di somme richieste per consolidamento debiti piuttosto elevate. La garanzia può essere richiesta anche in caso di una recente anzianità lavorativa del soggetto interessato.

  • Prestiti personali Potete richiedere informazioni su vostri prestiti personali tramite web oppure rivolgendovi presso Istituti Bancari.Inoltre, è possibile fissare un appuntamento in una qualsiasi filiale, di vostra f...
  • Tutti i prodotti BancoPosta Le caratteristiche più importanti dei prestiti BancoPosta sono dettagliatamente descritte nelle schede informative che possono essere consultate on line o presso uno dei tanti sportelli disseminati su...
  • Prestiti inpdap I prestiti personali inpdap sono particolari finanziamenti che possono venire richiesti direttamente all'ente previdenziale dello stato. Oggi l'inpdap è stato assorbito dall'inps, quindi questi presti...
  • Findomestic Banca Findomestic Banca S.p.A. si occupa da 30 anni di credito alle famiglie finalizzato all'acquisto di servizi e beni. La banca si propone di soddisfare le necessità dei clienti, contribuendo a raggiunger...


Prestiti consolidamento debiti: cosa occorre

Il contratto prestiti per consolidamento debiti deve contenere alcuni elementi fondamentali, stabiliti dalla Legge. Innanzitutto le generalità di entrambe le parti, ovvero nome e cognome del richiedente e della Società che concede il finanziamento. Inoltre devono essere riportati, oltre all'importo erogato, anche le condizioni previste per la restituzione: tasso applicato, numero e gli importi delle singole rate con la data di scadenza, TAEG, eventuali garanzie e coperture assicurative. In genere nel contratto vengono riportate anche le clausole relative al mancato pagamento delle rate. Questa condizione solitamente porta ad una notevole maggiorazione degli interessi di mora, oltre che all'iscrizione nel Registro Cattivi Pagatori. La segnalazione comporterà, in futuro, un più difficile esito positivo in caso di richiesta di ulteriori finanziamenti.


Valutazione finanziaria per prestiti consolidamento debiti

Ogni Istituto ha parametri propri per la valutazione del rischio, basata sul credit scoring a sua disposizione. I dati statistici permettono agli Istituti di mantenere bassi i livelli di insolvenza. Un altro fattore molto importante che viene valutato al momento in cui si richiede un finanziamento è il livello di reddito del richiedente. Questo serve a stabilire se egli potrà effettivamente far fronte alla rata proposta, tenendo conto delle sue entrate mensili. L'ultimo fattore che viene valutato è l'affidabilità creditizia. In base alle informazioni fornite dalla Centrale Rischi viene esaminata la situazione pregressa del soggetto che richiede il finanziamento. Se in passato ha sempre provveduto a pagare le rate nei termini pattuiti sarà più facile ottenere un parere positivo. In caso contrario sarà più facile ottenere il prestito sotto forma di Cessione del quinto, che dona all'Istituto una garanzia maggiore di solvenza.




COMMENTI SULL' ARTICOLO