Finanziamenti a fondo perduto regione Lazio

Uno dei progetti a fondo perduto per la regione Lazio

I programmi dell' Ue volti alla regione Lazio, hanno stanziato ben 2 milioni di euro di finanziamento a fondo perduto per garantire alle medie e piccole imprese della regione di avere il finanziamento per aumentare la competitività e l'innovazione nel settore. Inoltre questo bando è diretto anche agli Enti pubblici di ricerca e alle Università statali e tutti quegli organismi classificabili nel settore della ricerca. Ovviamente, le richieste di aiuto dovranno pervenire da società con una sede operativa presente nella regione stessa. Il limite massimo di contributo concesso sarà uguale al 75 % nel caso di centri privati di ricerca, Università e per le PMI e al 65% per i GI, il tutto sarà contenuto in una cifra massima di trenta mila euro, ovviamente ripartite nelle diverse attività. I soggetti, principalmente interessati ad ottenere questi incentivi dovranno spedire anche una apposita domanda in forma cartacea secondo quanto previsto all'interno dell'avviso pubblico.
Finanziamenti a fondo perduto nella regione Lazio

Come avviare un baby parking, ludoteca, centro giochi. Software su Cd-Rom + OMAGGIO Banca Dati 1500 Nuove Idee di Business per trovare il lavoro giusto che fa per te

Prezzo: in offerta su Amazon a: 39€


Programmi europei che stanziano finanziamenti a fondo perduto nella regione Lazio

Anche all'interno di questo bando sono stati stanziati ben due milioni di euro per favorire l'innovazione, lo sviluppo e la ricerca per le piccole e medie imprese della zona. In questo bando sarà possibile accedervi fino a quando non vi sarà l'esaurimento delle risorse messe a disposizione. Anche in questo caso possono parteciparvi medie e piccole imprese che hanno come obiettivo la produzione, i centri di richerca, i poli tecnologici e scentifici della regione e l'Universita del Lazio. Le spese dovranno essere investite per attività di ricerca, analisi, studi, spese per i ricercatori e per favorire sempre di più l'innovazione. Questa forma di agevolazione copre ben 75% sottoforma di finanziamento a fondo perduto. Non vi è una vera e propria scadenza, li tutto si concluderà con l'esaurimento delle risorse economiche.

    Libera scienza in libero stato

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 5,9€


    Finanziamento a fondo perduto per il primo insediamento in agricoltura

    In questo caso i beneficiari di questo finanziamento a fondo perduto, sono i giovani che intendono insediarsi nel mondo dell'agricoltura. Dovranno essere organizzati come forma societaria e presentarsi come capo azienda, inoltre dovranno rendere noto un piano aziendale che abbia come obiettivo quello di favorire lo sviluppo dell'azienda agricola e che duri almeno 5 anni. Ovviamente dovrà trattarsi della nascita di una nuova azienda non di fondi finanziati per aziende già esistenti! Inoltre, colui che richiederà il finanziamento a fondo perduto alla regione Lazio, dovrà avere dei requisiti tra cui: una età compresa tra un minimo di 18 anni ad un massimo di 39 anni, nel momento in cui andranno a spedire tutta la documentazione necessaria per la richiesta. E avere un esercizio dell'attività prettamente agricola sempre però nei limiti del territorio della Nazione.


    Finanziamenti a fondo perduto regione Lazio: Finanziamenti a fondo perduto per favorire gli investimenti per la sicurezza sul lavoro

    In questa situazione invece, i beneficiari del finanziamento a fondo perduto sono le medie, micro e piccole imprese, iscritte alla Camera di Commercio nei settori dell'artigianato, agricoltura e industria, esse potranno avere sede sia legale che operativa in tutto il territorio nazionale. Possono richiedere questo finanziamento tutti quei progetti che ricadono in tali categorie: Progetti con obiettivi di responsabilità sociale, e progetti volti all'investimento. Ovviamente le imprese potranno presentare solo una domanda e quindi solo un progetto per ottenere solo una forma di finanziamento a fondo perduto a seconda del settore interessati. Il finanziamento è rappresentato da un contributo pari al 65 % delle spese che l'azienda opera per realizzare il proprio progetto fino ad una cifra massima di 130 mila euro.



    COMMENTI SULL' ARTICOLO