Finanziamenti regione puglia

Gli incentivi per le piccole imprese.

A partire dal 3 giugno 2015, le imprese pugliesi che hanno intenzione di effettuare degli investimenti in progetti innovativi ed integrati possono presentare domanda per ottenere dei finanziamenti a fondo perduto. Potranno farne richiesta le aziende di trasporto, manifatturiere, di telecomunicazioni, aziende informatiche, imprese di sviluppo e ricerca e aziende di smaltimenti e trattamento dei rifiuti di ogni genere. Ma, per poterne fare richiesta, le imprese dovranno addurre delle valide motivazioni quali: l'ampliamento di attività già presenti, la realizzazione di nuove aziende produttive, la diversificazione di un settore produttivo che lancerà sul mercato un prodotto diverso da quello ottenuto precedentemente. L'entità del fondo perduto dipenderà dalla tipologia di spesa che si effettuerà: viene concessa una erogazione nella misura del 30 % per l'acquisto di opere murarie e del suolo aziendale. Mentre per l'acquisto di impianti, macchinari e attrezzature, licenze e brevetti sono previsti fondi per il 45 %.
Finanziamenti nella regione Puglia

Finanziamenti comunitari 2014-2020. Strategia, gestione e rendicontazione

Prezzo: in offerta su Amazon a: 29,75€
(Risparmi 5,25€)


Incentivi per l'insediamento dei giovani in agricoltura

La regione Puglia stanzia fondi a tutti quei giovani che vogliono immettersi nel settore primario. Essi possono fare richiesta per i finanziamenti a fondo perduto per l'acquisto di un fondo agricolo e la cifra massima che la regione Puglia finanzia è di 70.000 euro. Ovviamente il tutto deve avvenire mediante un atto di vendita con il quale si ottiene l'acquisizione del diritto di proprietà legato al pagamento all'ente pubblico per il mercato agricolo alimentare. Inoltre, il giovane agricoltore potrà presentarsi come socio di un'azienda agricola o come persona individuale che vuole aprire una nuova attività. Per poter partecipare a questo bando il giovane dovrà avere una età compresa tra un minimo di 18 anni ed un massimo di 40 anni. Egli potrà comprare terreni da un valore minimo di 200.000 euro ad un massimo di 2.000.000 eur, infine egli dovrà presentare un progetto vero e proprio dove dimostra gli investimenti che vuole attuare, i migliormenti aziendali riguardanti l'impresa, il processo produttivo e il prodotto finito utili a migliorare il quadro economico dell'azienda.

    Libera scienza in libero stato

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 5,9€


    Finanziamenti per il settore turistico.

    Ad oggi le piccole, medie e grandi imprese pugliesi possono richiedere ed usufruire dei finanziamenti a fondo perduto per il 50 % nel settore turistico. Questi investimenti devono avere una soglia minima di 1 milione di euro nel caso si tratti di piccole imprese e di massimo 40 milioni di euro nel caso di grandi imprese. Secondo il bando emanato dalla regione Puglia questi finanziamenti sono stanziati per : l'apertura di attività alberghiere e turistiche, ristrutturazione, ampliamento e riammodernamento di queste strutture, realizzazione di strutture con almeno 7 posti letto, ristrutturazione, restauro, consolidamento e risanamento di luoghi rurali, come torri, masserie e i famosi trulli. Recupero di zone inquinate e degradate con la realizzazione di strutture alberghiere ricreative, sportive, congressuali. I finanziamenti serviranno all'acquisto di suolo aziendale, infrastrutture aziendali nello specifico, acquisto di brevetti e licenze, consulenze riguardanti certificazioni, acquisto di impianti, attrezzature e macchinari.


    Finanziamenti regione puglia: Microcredito per le piccole imprese.

    Per le piccole imprese pugliesi c'è una grande novità: queste, infatti, potranno predisporre la richiesta per il microcredito e per sostenere più agevolemente i costi di gestione. La cifra massima messa a disposizione è di 59.000.000 euro. La richiesta potrà essere effettuata con importi variabili da 5.000 a 25.000 euro, con una durata massima di 60 mesi. Si avrà un tasso di interesse fisso. E' bene precisare che le spese che saranno effettuate dovranno corrispondere almeno al 30 % del totale spese previste nel finanziamento. Potranno essere investiti in: macchine, impianti e attrezzature inerente al campo in questione, brevetti e licenze, opere murarie, acquisto di materie prime, lavorati e semilavorati polizze assicurative e locazioni di immobili. E' opportuno assicurarsi di possedere tutti i requisiti necessari per poter esperire una richiesta di finanziamento, che rappresenterà cosi la soluzione ottimale per cominciare a far decollare la propria attività in Puglia.



    COMMENTI SULL' ARTICOLO