Finanziamento a tasso zero

Finanziamento a tasso zero

Un finanziamento a tasso zero è un prestito che non richiede il versamento di interessi. Quindi se si richiedono, ad esempio, 1000 euro, nel corso dei mesi si restituiranno poniamo 10 rate da 100 euro. Non sempre la dicitura finanziamento a tasso zero è realmente tale, perché talvolta le finanziarie richiedono delle alte spese di apertura della pratica, che possono gravare anche molto sulle singole rate. Allo stesso modo può capitare che il contratto prevede un TAN pari a zero e un TAEG legato all'andamento economico globale. Questa cosa potrebbe tradursi con un leggero aumento delle rate nel corso dei mesi necessari per il rimborso del prestito. Per questo motivo è sempre bene verificare tutte le condizioni di un contratto di finanziamento, prima di accettarlo. Spesso questo tipo di finanziamenti vengono proposti da finanziarie di nota fama, che quindi non hanno alcun interesse a celare condizioni poco convenienti all'interno delle loro offerte. I finanziamenti a fondo perduto sono invece particolari offerte degli enti governativi, che permettono di finanziare alcuni tipi di attività, per stimolare l'occupazione o per implementare la produttività di una certa area geografica.
Finanziamento a tasso zero

Progettazione e finanziamento delle imprese startup

Prezzo: in offerta su Amazon a: 19,55€
(Risparmi 3,45€)


I vantaggi per l'acquirente

Chiaramente un finanziamento a tasso zero ha dei grandi vantaggi per chi lo ottiene: in sostanza oggi acquistiamo un bene, che verrà ripagato nel corso degli anni, senza la necessità di pagare alcun tipo di interessi sul finanziamento ottenuto. Questo tipo di finanziamento in genere viene garantito per cifre di leggera entità, come ad esempio per l'acquisto di un elettrodomestico, di servizi per la persona o di beni di varia natura per la casa o l'azienda. Quando si trova un'offerta di finanziamento a tasso zero è sempre consigliabile verificare a fondo il contratto e le condizioni del prestito, per evitare brutte sorprese. Se un negozio ci offre un bene con un finanziamento a tasso zero, potrebbe averne aumentato leggermente il prezzo, in modo da nascondere gli interessi all'interno del prezzo finale.

    Quattro cose da sapere per andare in banca. Tecniche per ottenere finanziamenti e accedere al mercato del credito, per le piccole e medie imprese (PMI)

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,19€
    (Risparmi 1,8€)


    I vantaggi per le aziende

    Sono tipicamente i negozi e le piccole imprese che offrono alla clientela un finanziamento a tasso zero. Ma quale vantaggio traggono da tale proposta commerciale? Chiaramente molte persone sono invitate ad effettuare più acquisti grazie ai finanziamenti a tasso zero: anche se oggi non hanno i soldi per acquistare, ad esempio, un grande televisore a LCD, il fatto di poterlo avere grazie ad un prestito che comporta piccole rate, li farà decidere per l'acquisto. Quindi si tratta principalmente di pubblicità, che permette ad una qualsiasi azienda di attirare rapidamente molti clienti. Il finanziamento a tasso zero effettuato in un certo periodo dell'anno permette di mantenere alte le vendite anche in momenti in cui in genere non si effettuano acquisti per beni dal prezzo elevato. Infatti tipicamente le aziende che offrono questa tipologia di finanziamenti lo fanno prima delle vacanze estive, o appena prima delle festività natalizie: periodi in cui in genere i consumatori non hanno soldi da spendere in elettrodomestici o in altri beni non essenziali.


    Finanziamenti a fondo perduto

    Questo tipo di finanziamenti non sono dei veri e propri prestiti, perché l'ente governativo che li elargisce non ne richiede la restituzione. Questo tipo di finanziamento non è aperto a tutti i cittadini, perché si rivolge tipicamente alle aziende o alle attività artigianali. In genere sono gli enti statali, come i Ministeri, o le province, le regioni o la stessa comunità europea che propongono finanziamenti a fondo perduto, di diversa tipologia. Quindi non è possibile ottenere un finanziamento a fondo perduto per acquistare la macchina da utilizzare per la famiglia; se si ha un'azienda però è possibile che lo Stato finanzi, ad esempio, l'adeguamento della vettura aziendale al trasporto di persone portatrici di handicap, per rendere il mezzo più adeguato a svolgere alcuni compiti. Questo tipo di finanziamenti hanno una finalità ben precisa, come ad esempio stimolare la ripresa economica di un'area depressa o favorire lo sviluppo di nuove start up, con alto contenuto tecnologico o innovativo.




    COMMENTI SULL' ARTICOLO