Inpdap pensionati

Tipologie prestito inpdap pensionati

Il prestito inpdap comprende diverse soluzioni creditizie, di seguito elencate: piccoli prestiti Inpdap prestiti pluriennali diretti prestiti pluriennali garantiti Questi prestiti sono tutti caratterizzati da bassi tassi di interesse e possibilità di rateizzazione da un minimo di dodici mesi, ad un massimo di 4 anni, per un importo che non deve superare quello della busta paga/pensione moltiplicato gli anni di dilazionamento. Questo vuol dire che per un prestito pari a tre volte la pensione percepita, il pensionato dovrà rimborsare l' importo in 3 anni. Il rimborso sarà composto da una parte di capitale e da una di interessi. Eccetto il caso del piccolo prestito inpdap, bisogna dar prova della reale necessità del prestito e dimostrare la spesa sostenuta. Sono ammesse richieste per calamità naturali, acquisto auto e altro.
Prestito inpdap pensionati euro

Pagella del pensionato

Prezzo: in offerta su Amazon a: 17,9€


Piccolo prestito inpdap

Il piccolo prestito inpdap è finalizzato per pensionati e lavoratori. Ha un tasso ridotto ed è solitamente concesso dalla banca. Può essere rimborsato in contanti o comodamente tramite addebito diretto su conto corrente. Per ottenere questa tipologia di credito, bisogna accedere al sito ufficiale per scaricare la modulistica, stamparla e consegnare il modulo all'ufficio territoriale o provinciale competente. Non appena il finanziamento sarà concesso verrà erogato sul vostro conto corrente. Per il piccolo prestito inpdap non è necessario dimostrare le spese che si vogliono sostenere. L'importante è essere iscritti alla gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali ed avere reddito da lavoro o pensione. Questo semplifica molto la situazione in caso di spesa imprevista e inaspettata.

  • Calcolo rate prestito Il calcolo delle rate di un prestito si rivela fondamentale per confrontare le condizioni economiche personali con le varie offerte di prestiti di banche ed istituti di credito. In pratica è important...
  • Cessione del quinto Possono richiedere e accedere alla cessione del quinto tutti i dipendenti pubblici, statali o di aziende private, che siano assunti con contratto a tempo indeterminato; devono avere un'età compresa tr...
  • Prestiti d'onore destinati agli studenti Il prestito d'onore di cui si parla nel decreto legge citato, è finanziato dal PMI (Piccole e Medie Industrie) ed è gestito da Invitalia.È destinato alle nuove partite IVA aperte da giovani che inte...
  • Prestiti fra privati I prestiti fra privati, cioè tra persone fisiche, che possono essere parenti oppure amici, hanno valore legale in quanto sono riconosciuti e tutelati dalla Legge. Devono però essere occasionali e non ...

Bombo Targa premio pensione inps

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,4€


Prestito personale diretto pluriennale

Ai pensionati che abbiano almeno 4 anni di versamenti alla gestione unitaria delle prestazioni creditizie, è concesso il prestito personale pluriennale. Può avere durata quinquiennale o decennale ed è importante sapere che la rata massima non può superare un quinto della pensione percepita. Per richiederlo è indispensabile fare domanda telematica attraverso il servizio online di gestione prestiti pluriennali. Per questa specifica soluzione creditizia è indispensabile allegare la documentazione attestante lo stato di bisogno ed un certificato medico di sana costituzione. Il prestito può essere estinto in unica soluzione, dopo 2 anni per il prestito quinquiennale, e dopo 4 per il decennale. Se verrà saldato prima dei suddetti termini, sarà necessario attendere un anno prima di poterne richiedere un altro.


Inpdap pensionati: Prestito pluriennale garantito

I prestiti pluriennali garantiti, sono garantiti dall'inps contro: decesso dell'iscritto prima che sia estinta la cessione; cessazione dal servizio senza diritto a pensione (per dipendenti); riduzione della pensione del cedente. La durata è anche in questo caso di 5 o 10 anni, in base all'importo richiesto. Dovrete pagare, oltre alle rate ed agli interessi, un premio che va dal 2 al 4%, in base all'età del richiedente. Se supera i 65 anni, dovrà dunque versare il quattro percento. Anche in questo caso è da allegare certificato medico attestante la buona salute. Non è necessario, invece, dimostrare il bisogno o le spese da effettuare.Per richiedere questo servizio bisogna presentare domanda in quattro esemplari all'Amministrazione di appartenenza sugli appositi modelli.



COMMENTI SULL' ARTICOLO