Piccolo prestito Inpdap

Richiesta di un Piccolo Prestito inpdap.

La richiesta di accesso a Piccolo Prestito - oggi corrisposto dall'Inps anche per la gestione ex Inpdap - può essere effettuata da qualunque dipendente o pensionato pubblico iscritto alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali e permette di ottenere piccole somme che potranno essere restituite in un arco temporale di massimo quattro anni.

Le somme che possono essere richieste ammontano circa al corrispettivo di una mensilità di stipendio o pensione per i prestiti annuali, due per quelli biennali, tre per quelli triennali e quattro per quelli quadriennali.

Per quanto riguarda i dipendenti in attività, il modulo può essere consegnato direttamente all'amministrazione di appartenenza, mentre i pensionati dovranno necessariamente ricorrere alla procedura telematica.

L'ente erogatore si riserva, ovviamente, una attenta verifica della sussistenza delle condizioni, prima di procedere all'approvazione definitiva.

Prestito semplice e veloce.<p />

Targa premio pensione inps

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,8€


Il Piccolo Prestito inpdap: accesso online.

La richiesta di un Piccolo Credito Inpdap può essere inoltrata anche tramite una semplicissima procedura self service, da effettuarsi comodamente da casa, connettendosi on line al portale NoiPA.

Il primo passo per inoltrare la richiesta di erogazione è quello di possedere il PIN o la Carta Nazionale dei Servizi, che servono ai fini dell'identificazione del soggetto richiedente.

Il passo successivo è quello di accedere al portale NoiPA con le proprie credenziali e, una volta all'interno dell'area riservata, procedere con la richiesta.

Attraverso il portale è possibile effettuare simulazioni per calcolare il numero e l'entità delle rate di restituzione del piccolo prestito o procedere direttamente alla richiesta on line, che sarà presa in carico dal sistema e successivamente approvata dall'ente.

  • INPDAP Fino a pochi anni fa i lavoratori degli enti statali, quali scuole o ministeri, godevano di un trattamento pensionistico particolare, gestito da un ente che si occupava solo delle loro posizioni, chia...
  • interno di un ufficio postale Poste Italiane riesce a mantenersi aggiornata con i tempi e diventa sempre di più in linea con le banche e gli istituti di credito, venendo incontro ai consumatori e intuendo le esigenze economiche as...
  • Prestito inpdap Fino ad alcuni anni fa i lavoratoti delle aziende pubbliche ricevevano il trattamento pensionistico di un ente chiamato inpdap. Tale ente è stato assorbito dall'inps; nonostante questo avvenimento, si...
  • piccolo prestito Il piccolo prestito INPDAP si rivolge a tutti i pensionati ed ai lavoratori pubblici che sono iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie. Negli anni passati l'INPDAP è stato assorbit...

Pagella del pensionato.

Prezzo: in offerta su Amazon a: 17,9€


Presentazione della domanda in forma cartacea.

Per tutti coloro che, ancora in servizio attivo, non volessero avvalersi della procedura on line, è possibile scaricare dal sito dell'INPS, all'interno della sezione per la Gestione dei Dipendenti Pubblici, l'apposito modulo di domanda per l'erogazione di Piccolo Prestito inpdap.

Il modello di domanda deve essere compilato, in triplice copia, in ogni sua parte, inserendo i propri dati anagrafici e tutti i dettagli relativi alla somma richiesta e alla durata del prestito; il modulo sarà depositato presso l'Amministrazione di appartenenza; sarà poi la stessa Amministrazione a provvedere, senza alcun costo aggiuntivo, all'invio telematico della richiesta all'ente erogatore.

Anche in questo caso, l'ente effettuerà un controllo preventivo prima di procedere all'approvazione definitiva del finanziamento.


Piccolo prestito Inpdap: Piccolo Prestito inpdap: quanto si può ottenere.

L'accesso al Piccolo Prestito permette di ottenere somme che sono parametrate alla retribuzione media del richiedente, oltre che all'arco temporale di restituzione.

Nel dettaglio:

- se è richiesto un prestito annuale, la somma finanziabile è pari ad una mensilità media netta di stipendio o pensione, aumentabile sino a due in assenza di altre trattenute o cessioni, con il limite del quinto;

- per prestiti biennali, l'importo sale a due mensilità, eventualmente aumentabile a quattro;

- per prestiti triennali, è possibile ottenere tre mensilità, aumentabili a sei;

- per i finanziamenti di quattro anni, la base finanziabile è di quattro mensilità, che possono salire sino ad otto.

Per i pensionati, in deroga a quanto stabilito, vale sempre il limite del quinto della pensione cedibile.

Il tasso di interesse applicato è del 4,25%, mentre le spese di amministrazione ammontano allo 0,50%.



COMMENTI SULL' ARTICOLO