Finanziamenti a fondo perduto agricoltura

Finanziamenti a fondo perduto per l'agricoltura

I finanziamenti a fondo perduto per l'agricoltura sono previsti dalla Legge 135/97 "Conversione in legge, con modificazioni, del decreto legge 25 Marzo 1997 numero 67 recante disposizioni urgenti per favorire l'occupazione". In particolare ci si riferisce all'articolo 3 paragrafo 9 della suddetta legge. Il testo è destinato ai giovani che vogliono essere imprenditori nel settore dell'agricoltura anche subentrando ad un parente (entro determinate condizioni). Questa legge è applicabile a diversi settori: agricoltura, allevamento (compresi i pesci di acqua dolce e salata), pesca. Questa legge permette investimenti fino ad un tetto massimo di 1.032.000,00 euro per l'avvio di una nuova attività ed un premio unico massimo di 25 mila euro per il subentro di un giovane nell'azienda di cui un parente sia titolare. La legge vuole incentivare l'imprenditoria in agricoltura da parte di soggetti giovani ed appartenenti a zone in ritardo di sviluppo, a declino industriale o rurali svantaggiate.
finanziamento per l'agrucoltura

Come avviare un allevamento di asini. Software su CD-ROM + OMAGGIO Banca Dati 1500 Nuove Idee di Business per trovare il lavoro giusto che fa per te

Prezzo: in offerta su Amazon a: 39€


Il vantaggio dei finanziamenti a fondo perduto per l'agricoltura

Impossibile non citare quello che è il principale vantaggio dei finanziamenti a fondo perduto. In questo caso particolare, il capitale che viene finanziato si rimborsa nella misura del 50% del totale. In questa maniera si può attivare la propria attività anche con una disponibilità economica leggermente inferiore rispetto a quella che sarebbe normalmente richiesta per avverare questo sogno. In maniera particolare, il capitale erogato è costituito da una parte a fondo perduto (quindi non soggetta al criterio di rimborsabilità) e da una seconda parte (il restante 50%) che si rimborsa con un tasso di interesse altamente agevolato. In questo modo si restituirà solamente la metà di quanto si è ricevuto. Tutto questo avviene accendendo un mutuo che viene concesso con le opzioni di restituzione al 50% del capitale se chi lo richiede risiede nelle zone espresse nel ESL (Equivalente Sovvenzione Lordo) nell'Ob.1, mentre tale percentuale scende al 40% per chi risiede nelle altre regioni.

  • Prestito a fondo perduto giovani I prestiti giovanili a fondo perduto sono delle particolari forme di finanziamento che consentono a chi desidera aprire un'attività, portare avanti dei progetti oppure per la realizzazione di particol...
  • Finanziamenti europei I finanziamenti europei a fondo perduto vengono forniti per gestire e aiutare aziende di nuova costituzione oppure per sovvenzionare progetti o per la realizzazione di opere e strutture. In particolar...
  • Il finanziamento on line è previsto per tutti coloro che hanno un'età tra i 18 e i 35 anni. Il finanziamento a fondo perduto online viene erogato principalmente a tutte quelle imprese o start-up che promuovono il territorio e hanno bisogno di fondi monetari per avviare la propria attività. L...
  • Bando finanziamenti I fondi europei a fondo perduto 2014 sono particolari finanziamenti che vengono erogati per aiutare la creazione di nuove imprese, per l'acquisto di nuove strumentazioni che potrebbero servire per aum...

Come aprire un Bed & Breakfast, Affittacamere, Casa vacanze. Software su Cd-Rom

Prezzo: in offerta su Amazon a: 39€


Requisiti indispensabili

Per accedere al finanziamento occorre essere in possesso di alcuni requisiti indispensabili. Innanzitutto, il richiedente deve avere un'età (al momento della domanda) compresa tra 18 e 36 anni. Bisogna, poi, avere la qualifica di un imprenditore agricolo o fare di tutto per diventarlo entro 2 anni dal momento della richiesta. Se ci si trova dinnanzi ad un giovane che subentra ad un parente, questo deve essere al massimo di secondo grado e deve risultare come il "titolare" dell'attività. La residenza, poi, deve ricadere in una delle zone previste dal Trattato UE art. 92.3c e l'azienda deve avere la sede in una delle zone definite disagiate dall'Unione Europea (ritardo di sviluppo, a declino industriale o rurali svantaggiate). Le spese finanziabili sono quelle previste per intraprendere l'attività (brevetti, attrezzature, macchinari) e arrivano fino al 100% delle produzioni agricole.


Finanziamenti a fondo perduto agricoltura: Capitale erogabile e modalità di richiesta

Ma, in definitiva, quali sono le modalità di richiesta e il capitabile erogabile quando si parla di un finanziamento a fondo perduto nel settore agricolo? Innanzitutto è bene specificare che il capitale erogabile varia, in percentuale, a seconda della zona d'Italia dove ha sede l'attività per cui si sta facendola richiesta. Questa percentuale è pari al 90% delle spese necessarie all'investimento per il Sud mentre scende all'80% per le zone del Nord Italia. Il capitale massimo erogabile è pari a 1.032.000,00 euro nel caso in cui si parli dell'avvio di una nuova attività. Per i subentri è previsto un tetto massimo di 25 mila euro, perché non può comprendere le spese inerenti la gestione dell'azienda. Le domande vanno inoltrate agli organismi che si occupano di valutare i nuovi progetti imprenditoriali e finanziare i capitali necessari.



COMMENTI SULL' ARTICOLO