Prestiti a fondo perduto

Cosa sono i prestiti a fondo perduto

I prestiti a fondo perduto sono dei finanziamenti concessi dalla Comunità Europea o dallo Stato a particolari tipologie di imprenditori. Il denaro erogato non deve essere restituito ma utilizzato per avviare una nuova attività o per ampliarne una già esistente. Vengono erogati in determinati periodi e per accedervi occorre possedere i requisiti richiesti. Non molto pubblicizzati vanno spesso persi nei vari iter burocratici. Sono soprattutto i finanziamenti a fondo perduto messi a disposizione dalla Comunità Europea ad avere procedure lunghe ed elaborate. Visto però che si tratta di opportunità davvero uniche vale la pena usufruirne se si possiedono i requisiti richiesti. Per prima cosa occorre capire quale è l'ente che li eroga, perché in base a questa caratteristica variano le modalità di richiesta.
Comunità Europea

Come avviare una pasticceria. Software su Cd-Rom + OMAGGIO Banca Dati 1500 Nuove Idee di Business per trovare il lavoro giusto che fa per te

Prezzo: in offerta su Amazon a: 39€


Finanziamenti a fondo perduto della Comunità Europea

I finanziamenti a fondo perduto concessi dalla Comunità Europea sono i più diffusi. Rivolti generalmente all'imprenditoria femminile e a quella giovanile vengono messi a disposizione per l'apertura di nuove attività nel settore del turismo, dell'istruzione, dell'agricoltura e delle nuove tecnologie. Talvolta prevedono la concessione di capitali anche per nuove start up di settori diversi da quelli menzionati. Per essere sempre aggiornati sulle varie possibilità offerte è disponibile il sito http://europa.eu/index it.htm dove vengono pubblicati anche tutti i requisiti necessari per accedere ad ogni singolo bando. Anche presso le sedi della Regione è possibile avere notizie sulla presenza di finanziamenti europei per un determinato settore. Se non si conosce la procedura da seguire è possibile farsi aiutare da società che forniscono assistenza per ottenere prodotti di questo tipo.

  • euro come ruote di ingranaggi Il finanziamento a fondo perduto rientra a tutti gli effetti nella categoria di investimenti degli enti locali, tesi a migliorare l'economia di alcuni territori, in particolar modo quelli più svantagg...
  • euro Per richiedere i contributi regionali a fondo perduto, occorre prima di tutto aspettare l'uscita del relativo "bando". Qui saranno riportate tutte le indicazioni inerenti al tipo di attività che il co...

Come avviare un ostello della gioventù. Software su Cd-Rom + OMAGGIO Banca Dati 1500 Nuove Idee di Business per trovare il lavoro giusto che fa per te

Prezzo: in offerta su Amazon a: 39€


Finanziamenti imprenditoria giovanile e femminile

L'Unione Europea ha creato un programma per permettere ai giovani e alle donne di avvicinarsi al mondo del lavoro, stanziando capitali che non devono essere restituiti. I capitali sono destinati nuove attività o all'ampliamento di imprese già esistenti. Il requisito principale è costituito dall'età anagrafica o dal sesso del richiedente. I finanziamenti per l'imprenditoria giovanile sono indirizzati a persone che non abbiano compiuto i 30 anni. Ai finanziamenti per l'imprenditoria femminile oltre a ditte gestite da donne, sono ammesse anche società di persone costituite per almeno il 60% da donne e società di capitali in cui almeno i 2/3 delle quote di partecipazione siano detenute da donne. Eventuali disponibilità sono riportate sul sito http://www.garanziagiovani.gov.it/Pagine/default.aspx gestito dalla Comunità Europea in collaborazione con il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. Talvolta prevedono una parte di capitale da rimborsare a tassi inferiori a quelli di mercato.


Prestiti a fondo perduto: Documentazione da allegare alla richiesta di finanziamento

Parte della documentazione da allegare alla domanda di accesso ai finanziamenti a fondo perduto può variare da bando a bando, ma vi sono alcuni documenti che sono comuni ad ogni richiesta. Alla domanda occorre allegare copia del documento d'identità del richiedente e codice fiscale. Occorre poi farsi rilasciare un certificato di disoccupazione dal Centro per l'Impiego. Ovviamente questo documento non deve essere presentato in caso di richiesta per ampliamento dell'attività. Deve essere allegato anche un Business Plan, che spieghi dettagliatamente il progetto dell'impresa che si intende realizzare, ed un preventivo della spesa necessaria. Il Business Plan è forse il documento più complesso da redigere, con la descrizione dettagliata delle strategie future dell'azienda e le azioni da intraprendere per il raggiungimento degli obiettivi prefissati.



COMMENTI SULL' ARTICOLO