Inps ex inpdap

I prestiti INPS ex INPDAP

Fino ad alcuni anni fa l'INPDAP era l'ente che gestiva gli stipendi e le pensioni del personale pubblico italiano; oggi tale ente è stato completamente assorbito nell'INPS. I dipendenti pubblici pagano mensilmente una piccola quota per la gestione unitaria creditizia e sociale; tale fondo permette ai dipendenti pubblici di avere accesso a particolari prestiti INPS ex INPDAP. I finanziamenti sono garantiti direttamente dall'INPS e vanno richiesti quindi a questo ente, non ad una banca o ad una finanziaria. Chi può ottenere tali prestiti ha il vantaggio di godere di tassi di interesse molto vantaggiosi, decisamente inferiori rispetto a quelli dei più diffusi prodotti creditizi presenti sul mercato. Le rate per restituire il prestito INPS ex INPDAP possono essere versate in posta o più comodamente possono essere direttamente detratte dall'assegno mensile.
INPDAP

Targa premio pensione inps

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,8€


Come funzionano i prestiti ex INPDAP

I finanziamenti ex INPDAP sono garantiti solo ed esclusivamente ai pensionati ed ai dipendenti pubblici italiani, di qualsiasi ente, ministero o azienda statale, come scuole o altro tipo di ufficio pubblico. Ogni trimestre l'INPS stanzia una certa cifra di euro, che verranno utilizzati per coprire le richieste di prestiti INPS ex INPDAP. Chiaramente se al momento della richiesta sono disponibili i fondi, il prestito viene elargito subito; se invece l'apposito fondo è già stato completamente speso, le persone che effettuano una richiesta verranno inserite in una graduatoria, che tiene conto dell'effettiva necessità del finanziamento o della motivazione per cui è stato richiesto. Quando saranno nuovamente disponibili dei fondi, vengono stanziati per coprire le richieste di tutte le persone in graduatoria. Per questo motivo può capitare di richiedere un prestito ex INPDAP oggi e di riceverlo dopo alcuni mesi.

  • Richiesta prestito approvata I prestiti Inpdap sono soluzioni creditizie personalizzate che oltre ad essere agevolate, con un tasso di interesse annuo che si aggira attorno al 4,25%, sono rivolte esclusivamente ai pensionati e ai...
  • INPDAP Fino a pochi anni fa i lavoratori degli enti statali, quali scuole o ministeri, godevano di un trattamento pensionistico particolare, gestito da un ente che si occupava solo delle loro posizioni, chia...
  • Prestito inpdap Fino ad alcuni anni fa i lavoratoti delle aziende pubbliche ricevevano il trattamento pensionistico di un ente chiamato inpdap. Tale ente è stato assorbito dall'inps; nonostante questo avvenimento, si...
  • Prestiti inpdap I prestiti personali inpdap sono particolari finanziamenti che possono venire richiesti direttamente all'ente previdenziale dello stato. Oggi l'inpdap è stato assorbito dall'inps, quindi questi presti...

Pagella del pensionato

Prezzo: in offerta su Amazon a: 17,9€


Come richiedere il finanziamento ex INPDAP

I prestiti INPS ex INPDAP non vanno richiesti ad una finanziaria o ad una banca, ma direttamente all'INPS. In particolare, possono venire richiesti solo online, tramite l'apposita modulistica presente sul sito dell'Ente pensionistico più grande d'Italia. I pensionati devono compilare i moduli direttamente online, in modo da inviarli istantaneamente all'INPS; per quanto riguarda invece i lavoratori, dovranno scaricare i moduli e consegnarli presso gli uffici amministrativi dell'azienda o dell'ente per cui lavorano. Per poter richiedere un prestito INPS ex INPDAP è necessario ricevere una pensione ex INPDAP, oppure avere un contratto a tempo indeterminato in un qualsiasi tipo di ufficio pubblico, da almeno quattro anni. Le richieste devono essere compilate in ogni parte e devono essere accompagnate da tutti i documenti richiesti; le richieste non compilate correttamente o prive di tutta o parte della documentazione saranno rigettate ed annullate, quindi è importante prestare molta attenzione, leggendo con cura i moduli nella loro interezza.


Inps ex inpdap: Tipologie di prestiti INPS ex INPDAP

L'INPS offre ai dipendenti ed ai pensionati pubblici una serie di interessanti possibilità di finanziamento. Lo strumento più semplice e utile è il piccolo prestito: 1, 2, 3, o 4 mensilità, da restituire in 12, 24, 36 o 48 rate mensili. Per richiedere un piccolo prestito non è necessario documentare le spese che si intendono effettuare, in quanto si tratta di un finanziamento per avere una piccola liquidità a disposizione. Altri prestiti di maggiore entità sono i mutui per la casa, i prestiti diretti pluriennali e i prestiti garantiti pluriennali. La caratteristica comune a tutti questi finanziamenti è il tasso di interesse annuo, che è molto inferiore a quello che si può ottenere presso qualsiasi banca o finanziaria operante sul mercato italiano. In ogni caso le rate, per qualsiasi tipologia di prodotto, non possono essere maggiori ad un quinto dello stipendio o della pensione percepita dal lavoratore o dal pensionato da parte dell'INPS. Nel caso di prestiti pluriennali o di mutui è necessario presentare la documentazione che mostri la tipologia di spesa che si intende affrontare, come l'acquisto di una macchina, di una casa o di altra tipologia di bene.



COMMENTI SULL' ARTICOLO